Le donne e i capelli

Mie care amiche donne, vi siete mai domandate perché ogni tanto il nostro cervello va in tilt e inevitabilmente ci viene voglia di cambiare taglio o colore ai capelli? Io me lo chiedo ciclicamente, ormai, dato che ogni due mesi circa mi viene questa strana voglia di stravolgere il mio look. Puntualmente lo faccio e puntualmente me ne pento.

I miei poveri capelli non so come facciano ancora a essere dove stanno, forse perché li curo molto, dopo anni e anni di tinte e decolorazioni. Una volta alla settimana faccio un impacco preso in erboristeria, non uso più la piastra e utilizzo il miglior phon consigliatomi dalla mia parrucchiera, con questi pochi escamotage sono riuscita a ravvivarli un po’.

Il problema è che spesso ci tingiamo o ci scaliamo i capelli solo per il gusto di farlo, mica perché la nuova acconciatura ci dona! Anzi, tutt’altro: ho ritrovato delle mie vecchie foto sul PC e mi sono sentita male. Come ho fatto ad andare in giro per strada coi capelli verde petrolio? E specifico, non ho più 15 anni, ne ho quasi il doppio quindi i miei non sono capricci adolescenziali. A dire il vero non so cosa siano.

Il bello è che anche la mia parrucchiera, che mi conosce da quando ho 18 anni, mi ha sempre ammonito quando tiravo fuori colori assurdi (accostati tra loro in modo assurdo, inoltre), quindi non è nemmeno possibile affermare che qualcuno mi motivava. Nessuno, né i miei genitori né i miei amici mi hanno mai detto qualcosa per i capelli, e se da un lato è un bene, dall’altro è sempre stato un male. Magari avrei potuto evitare di straziarli con acqua ossigenata e altre diavolerie, è un miracolo se ancora ne ho ancora così tanti e tutto sommato neppure troppo sciupati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *